lunedì 15 maggio 2017

Art is in the Square - 2017 | Piazza San Lorenzo, Firenze

(ENG): Also this year was held the usual exhibition organized by the Lorenzo De' Medici Institute, which rewards the most worthy students.
It was an intense and difficult day that put a lot of pressure on the setup and the people.

My sincere thanks go to all the LdM staff and teachers who made a great effort for the success of the event.

(ITA): Anche quest'anno si è tenuta la consueta mostra organizzata dall'Istituto Lorenzo De' Medici, che premia gli studenti più meritevoli. 
E' stata una giornata intensa e difficile che ha messo a dura prova l'allestimento e le persone. 
Il mio sincero ringraziamento va a tutto lo staff e ai docenti della LdM che si sono impegnati al massimo per la riuscita dell'evento.
Photo: Simone Stanislai












martedì 13 dicembre 2016

Space Architecture in Naples, Italy | Architettura Spaziale a Napoli


(ITA). Si è concluso il 9 Dicembre scorso una interessante iniziativa dell'Italian Institute for the Future di Napoli riguardo alle "Utopie del Domani".

Il tema dell'incontro verteva sulle utopie, non solo architettoniche e le città del futuro.
Grazie alla sapiente regia di Roberto Paura e i preziosi contributi di Daniele Vazquez Pizzi e Massimo Pica Ciamarra, sono stati toccati molti temi di grande importanza.

Il mio intervento si è concentrato sugli attuali progetti di ESA e NASA per la costruzione di un insediamento umano sulla Luna e su Marte nei prossimi anni e le tecnologie messe in campo. Il tema è molto vasto e sempre più complesso man mano che nuovi protagonisti si affacciano sulla scena mondiale. La nascita di nuove agenzie spaziali, pubbliche e private e ulteriori scoperte astronomiche, aprono scenari mai immaginati prima d'ora rendendo possibile ciò che abbiamo considerato sempre come "fantascienza".

Tuttavia siamo esseri umani, legati alla Terra e al suo ecosistema ed è a questo che molti scienziati guardano quando sviluppano nuove metodologie. L'approccio biomimetico è presente nella tecnologia aerospaziale più di quanto non si immagini, basta sapere dove guardare.

Dobbiamo, inoltre aspettarci, nei prossimi anni, un inevitabile tranfer tecnologico dall'architettura spaziale a quella terrestre, in controtendenza rispetto a quello che accade oggi. Grazie alla lezione extra-terrestre, c'è da augurarsi che, oltre ai materiali e alla tecnologia, ci sia un ritorno sempre maggiore alla sostenibilità, al rispetto dei luoghi, al risparmio di suolo e di risorse su questa Terra.

(ENG). It was concluded on December 9 an interesting initiative of the Italian Institute for the Future of Naples about the "Tomorrow's Utopias".
The topic of the meeting concerned the utopias, (not only the architectural ones) and the cities of the future.
Thanks to the skillful direction of Roberto Paura and the valuable contributions of Daniel Vazquez Pizzi and Massimo Pica Ciamarra, many very important issues have been touched.
My speech focused on current NASA's and ESA's projects for the construction of a human settlement on the Moon and on Mars in the coming years and the related technologies. 
The subject is vast and increasingly complex as new protagonists face the world stage every day. The born of new space agencies, public and private, and more astronomical discoveries, are opening un-imagined scenarios before making possible what we have always regarded as "science fiction.
However, we are human beings, related to the Earth and its ecosystem and that is what many scientists look at when developing new methodologies. The biomimetic approach is in the aerospace technology more than you can imagine, just know where to look.
We should also expect, in the coming years, an inevitable technological tranfer from space architecture  to the earth's one, in contrast with what happens today. Thanks to the extra-terrestrial lesson is to be hoped that, in addition to materials and technology, there'll be a new return to sustainability, respect for places, soil-saving and resources, here on this Earth.


martedì 8 novembre 2016

Optical #004, #005, #006 - Abstract illustrations


This image has been digitally created and printed on an high-definition matte photographic paper (200 gr/sq m).

This original illustration do not have a white border and it is suitable for framing with or without a mount. The image covers the entire surface of the poster, however it is concentrated in its center. Printed image size and total paper size comes in three different sizes: 70x70 cm (27,5x 27,5 in), 50x50 cm (19,7x19,7 in) or 45x45 cm (17,7x17,7 in) . Final image doesn't have watermark.

The “Optical” series include three different pieces (Optical #004, Optical #005, Optical #006.

All artworks and designs are original and created by Marco Sorito.

Available on Etsy.



lunedì 19 settembre 2016

Art is in the Square, 10th Edition - The video


(ENG). A really, entirely sustainable exhibit for the 10th edition of "Art is in the Square", the annual students' work exhibition of the Lorenzo de' Medici Institute.
All the wooden structures are coming from previous exhibitions and are very light and easy to assemble and dismountle.
Due the bad weather conditions, they were moved from an exterior location, into the LdM's Library and in the Fuligno's porch, packing all in one single truck and handle by just three men.
Here is the video by LdM News.

(ITA). Un allestimento davvero ed interamente sostenibile per la 10ma edizione di "Art is in the Square", l'annuale mostra dei lavori degli studenti dell'Istituto Lorenzo de' Medici.
Tutte le strutture in legno provengono da precedenti mostre, sono estremamente leggere e facili da montare e smontare.
A causa delle cattive condizioni atmosferiche, le strutture sono state spostate dall'esterno, dove era prevista inizialmente la mostra, negli spazi interni della scuola e nel chiostro del Fuligno, caricando il tutto su un singolo furgone, con il lavoro di soli tre operatori.
Ecco qui il video del canale LdM News.

giovedì 15 settembre 2016

Monument's Death

(ITA). La Morte del Monumento

Si è concluso recentemente il concorso di idee indetto dal Comune di Carpi (MO) per la progettazione delle nuove porte della città. Stanchi dell'architettura autoreferenziale e celebrativa, abbiamo deciso che il concetto dell'”Arco di Trionfo” era ormai inaccettabile. Abbiamo quindi preferito disegnare un “pezzo di città” che fosse funzionale e utile agli abitanti nella vita di tutti i giorni. La proposta si basa sulla massima sostenibilità progettuale e costruttiva, evitando qualsiasi velleità monumentale ma rimanendo nell'ambito di un intervento riconoscibile con cui sia facile relazionarsi.

(ENG.) Monument's Death

The competition organized by the Municipality of Carpi (Italy), for the design of new city gates, has recently concluded. Tired about self-celebratory architecture, we decided that the concept of "Arc de Triomphe" was no longer acceptable. We then preferred to design a "part of city" that was functional and useful to people in their everyday life. The proposal is based on the maximum design and construction's sustainability, avoiding any monumental ambitions, remaining within a recognizable shape with which it is easy to relate to.




lunedì 23 maggio 2016

Art is in the Square


(ENG.)...and now is 10!
The LdM Institute reached this important goal with the tenth edition of its annual Student Exhibition. This year, due the bad weather conditions, the exhibition was organized indoor, in two amazing LdM locations.
Like the last year, MSa has developed a completely sustainable project, using only the existing material and, when it was necessary, adding just the same tipe of wood and assembly. All the structures are modular, light and very easy to assembly and dismountle and the entire exhibition's elements can be positioned very quickly by few people.

(ITA) ...e sono 10!
L'Istituto LdM ha raggiunto l'importante traguardo della decima edizione dell'annuale mostra degli studenti della scuola.
A causa delle cattive condizioni meteorologiche, quest'anno la mostra si è svolta al chiuso, tuttavia è stata l'occasione per fa conoscere due meravigliosi spazi della scuola.
Come per l'anno scorso, anche quest'anno l'allestimento è stato sviluppato in maniera completamente sostenibile, in quanto è stato utilizzato solo il materiale esistente aggiungendo, quando necessario, elementi dello stesso tipo e con lo stesso sistema di assemblaggio.
Tutte le strutture sono modulari, leggere e molto facili da assemblare e smontare. L'intero allestimento può essere montato molto velocemente con l'utilizzo di poche persone.









martedì 17 maggio 2016

Space Colonialism | Are we destined to live beyond Earth?


ENG. A new project, too long delayed, is born: the analysis of the relationship between space and terrestrial architecture. What are the projects currently studied and the technologies developed for the next "giant leap for mankind"?
About that is this text talking, passing through materials, techniques and styles of the new Space Colonialism.

"What does the future hold? The human race is destined to colonize new planets and adapt them to its needs? This is what the great writers of the past have imagined.
Isaac Asimov, scientist and author of the famous "Cycle of Foundation", imagined a human civilization that has spread over the millennia, across the Galaxy, settling on thousands of planets ruled by a Galactic Empire with its capital on the planet Trantor.
Trantor has the role of administering and controlling the entire Empire, hosting billion of people, bureaucrats, officials in a totally constructed scene where the entire planet's surface is covered by building's metal.
These human beings of the future have forgotten their origins and the memory of the planet Earth survives only in some ancient legends and fairy tales for children.
If our destiny is really to leave our beloved blue planet and venture into the Cosmos, we have to remember to look back and take a last look at our home, just before it disappears into the depths of Space and Time, forever."

ITA. Finalmente si concretizza un progetto troppo a lungo rimandato: l'analisi del rapporto tra l'architettura spaziale e quella terrestre. Quali sono i progetti attualmente allo studio e le tecnologie sviluppate per il prossimo grande passo per l'Umanità?
E' quello di cui parla il testo, passando in rassegna materiali, tecniche e stili del nuovo Colonialismo Spaziale.

"Cosa ci riserva il futuro? La razza umana è destinata a colonizzare nuovi pianeti e adattarli alle proprie esigenze? E' quello che i grandi scrittori del passato hanno immaginato.
Isaac Asimov, scienziato ed autore nel famoso "Ciclo della Fondazione", immagina una civiltà umana che si è espansa, nei millenni, in tutta la Galassia, insediandosi su migliaia di pianeti governati da un Impero Galattico con capitale sul pianeta Trantor.
Trantor ha lo scopo di amministrare e controllare tutto l'Impero, ospitando miliardi di persone, burocrati, funzionari in uno scenario totalmente costruito dove l'intera superficie del pianeta è ricoperta dal metallo degli edifici. Questi esseri umani del futuro hanno dimenticato le loro origini e il ricordo del pianeta Terra sopravvive solo in alcune antiche leggende e favole per bambini.

Se il nostro destino è davvero quello di abbandonare il nostro amato pianeta blu ed avventurarci nel cosmo, ricordiamoci di guardare indietro e dare un ultimo sguardo a casa un attimo prima che scompaia nelle profondità dello Spazio e del tempo, per sempre."